Proverbi 2 - Sito Ufficiale della PROLOCO DI ORROLI

Vai ai contenuti

Menu principale:

Proverbi 2

Arte Cultura

GANZU (Logudorese, Settentrionale – Ganciu: Meridionale – Gancio: Italiano)

truncat o faghet ganzu. O tronca o fa gancio – Dicesi di ogni cosa se non si riesce bene, meglio nulla.


GATTU (Meridionale – Gatto: Italiano)

Sa gattu s’accuat, sa coa ddi parit. Il gatto si nasconde, la coda si vede – qllorchè uno fa una mancanza, il rimorso da qualche segno.
Candu non inc’esti sa gattu, su topi s’ispassilat. Quando non vi è il gatto il topo passeggia


GENEROSU (Dialetto comune – Generoso: Italiano)

In roba anzena generosu. In roba altrui generosa.


GENIU (Dialetto comune – Genio: Italiano)

Sos genios non sunt totu que pare. I geni non sono tutti uguali – Cioè ognuno ha il suo gusto.
Balet prus su geniu qui non sa bellesa. Vale più il genio che non la bellezza
Su geniu faghet totu. Il genio fa ogni cosa


GENTE (Logudorese – Genti: Meridionale – Gente: Italiano)

Paga gente mezus festa. Poca gente miglior festa
Gente faghet cosa; cosa non faghet gente. La gente fa la cosa, la cosa non fa la gente – cioè le persone fanno le ricchezze .
Gente devota non la cretas tota. Gente devota non la crediate tutta – Proverbio per gli ipocriti di cui non deve fidarsi.
Gente tua, morte tua. Gente vostra, morte vostra – Dicesi per un parente traditore, e nelle disgrazie per la troppa affezione ai parenti.
Gente iscunfessa a lontanu. Gente che non si confessa a lontano – Cioè non accompagnarti con chi non ha timor di Dio. Che non vive onestamente.




GHERRA (Dialetto comune– Guerra: Italiano)

In tempus de gherra, faulas fino a terra. In tempo di guerra, bugie fino a terra – cioè molte
Sa gherra faghet male a totu finza ad sos qui binchent. La guerra fa male a tutti, anche a quelli che vincono.


Quando duos sunt gherrende, mai ti ponzas in mesu. Quando due si stanno azzuffando, non vi mettiate in mezzo
GOSARE (Logudorese – Godere: Italiano)

Qui non ischit cagliare, non ischit gosare. Chi non sa tacere non sa godere – Dei chiacchieroni
Qui non patit non gosat. Chi non soffre, con la pazienza e con il lavoro, non gode.


GULA (Dialetto com. – Gola, Intemperanza: Italiano)

Nde bocchit plus sa gula qui non s’ispada. Ne uccide più la gola che non la spada – Cioè l’intemperanza. Il proverbio s’intende di ogni eccesso.


GUSTU (Dialetto comune – Gusto: Italiano)

Unu gustu, unu disgustu. Un gusto, un disgusto – Dopo il piacere viene il dolore.
Sos gustos non sunt que pare. I gusti non sono uguali – S’intende nel mangiare, vivere ecc.
Plus balet unu gustu qui non milli malannos. Vale più un gusto che mille malanni – Dicesi da chi vuol prendersi un divertimento, ma si guarda bene dalle conseguenze che possono nascere.
Quando su gustu est in sala, su disgustu est in s’iscala. Quando la contentezza è in casa, il dispiacere è vicino – Dicesi quando in mezzo al piacere accade una repentina disgrazia.
HABITARE (Loudorese – Abitare: Italiano)

Narami cum quie habitas, et ti hap’a narrer quie ses. Dimmi con chi abiti e tidirò chi sei


HERVA, Herba (Dialetto comune – Erba: Italiano)

Herva mala non morit mai. Erba cattiva non muore mai – Per similitudine dicesi ad un cattivo che vive molto.
Ogni herva tenet su valore sou, ma non lu conoschimus. Ogni erba ha il suo valore ma non lo conosciamo – cioè ognuno ha la sua abilità e virtù
Ogni herba hat sa virtude sua. Ogni erba ha la sua virtù – metaforicamente ogni uomo è necessario perché ha qualche virtù o talento.
Da ogni herva nde faghet una fascia. Fa di ogni erba un fascio.


HOE (Logudorese – Oggi: Italiano)

Quie pagat hoe est chitu cras. Chi paga oggi è a saldo domani – Cioè pagare i debiti quanto prima.
Hoe ad mie, cras ad tie. Oggi a me, domani a te – Riferito all’incostanza della fortuna, per la chiesa l’ora della morte.

.HOMINE (Logudorese – Uomo: Italiano)

S’homine bonu faeddat in cara. L’uomo onesto parla in faccia – Cioè parla chiaro e schietto.
Homine sabiu non quircat factos anzenos. Gli uomini perbene non cercano i fatti degli altri.
Sos homines Deus los format, et ipsos si accumpagnant. Dio forma gli uomini ed essi si accoppiano – Dicesi quando si uniscono due che hanno le stesse tendenze.
S’homine non si misurat a palmos. L’uomo non si misura a palmi – Cioè non si guarda l’aspetto fisico.
Iscuru a quie confidat in homines. Misero colui che confida negli uomini.
Totu os homines sunt homines. Ogni uomo è uomo – Cioè tutti siamo soggetti a sbagliare.
Si la francas cum sos homines, non ti que colas de Deus. Se vi salvate dagli uomini, non vi salvate da Dio.
Homine jogadore, homine pedidore. Uomo giocatore, uomo miserabile – Cioè povero.
Su bisonzu faghet s’homine valente. Il bisogno fa prode l’uomo – Perché raddoppia la fatica.
Homine bonu, et homine malu, non andat mai cumpare. Uomo buono ed uomo cattivo non vanno mai insieme – Cioè difficilmente si accompagnano o perseverano nell'’micizia.
In divinu et in humanu, si ad vinti non est galanu, si ad trinta non hat scientia, ad baranta non hat prudentia, ad quimbanta nò est devotu, s’homine est perdidu in totu. L’uomo nelle cose divine ed umane, se ai 20 anni non è galante, ed al 30 non ha scienza, ed al 40 prudenza, e finalmente se al cinquantesimo anno non è devoto, è perduto del tutto, cioè non vi è più rimedio.
Homine quando faeddat, et non abbaidat in cara, homine traditore. L’uomo che parla, e non guarda in viso, uomo traditore.
S’homine proponet et Deus disponet. L’uomo propone e Dio dispone.
Sa cara annuntiat qui est s’homine. Il viso annunzia chi è l’uomo.
De s’homine est su errare, de su diaulu su perseverare. Dell’uomo è prendere sbaglio, il perseverare nell’errore del diavolo.

HONORE (Logudorese – Onore: Italiano)

S’honore clamat vindicta. L’onore grida vendetta.
Sos honores cambiant sos humores. Gli onori cambiano gli uomini.
Perder totu foras que i s’honores. Perdere tutto fuorché l’onore.




HORTULANU (Logudorese – Ortolano: Italiano)

Ogni hortulanu bandat sa ziodda sua. Ogni ortolano vanta la sua cipolla – Dicesi agli sbruffoni che vantano le proprie cose.
Mortu s’hortulanu, adiu s’hortu. Morto l’ortolano, addio l’orto - Cioè morto il padrone finiti gli affari. Cessati gli interessi cessa l’amicizia.


HUMILIARE, Humilidade (Logudorese – Umiltà: Italiano)

Quie si humiliat si exaltat. Chi si umilia si esalta.
Cum s’humilidade si balanzat su chelu. Con l’umiltà si guadagna il cielo – Si ottengono favori.
IERRU (Loudorese, meridionale – Inverno: Italiano)

Ierru et istiu no istant in chelu. Il caldo ed il gelo non resta in cielo
Aundi has fattu s’ierru, fai su stadi. Dove ai passato l’inverno, trascorri l’estate – Dicesi quando uno per un bisogno si rivolge ad uno, ed in un’altra necessità si rivolge ad un altro.


IMBROGLIONE, Imboligosu (Logudorese – Truffatore: italiano)

Un’imbroglione nde faghet deghe miza. Un truffatore né fa dieci mila – S’intende dell’effetto che produce l’inganno
Ad s’imboligosu no impares a imboligare. Al truffatore non insegnate a truffare – A colui che è più esperto nell’arte, non diate avvertenze.


IMPARARE (Logudorese – Isegnare: italiano)

DA qui ti hap’a imparere ti hap’a perdere. Dopo che v’insegnerò vi perderò – Dicesi quando ad uno si mostra una cosa per la prima volta.
Niune est nascidu imparadu. Nessuno nasce maestro.
Gasi morimus et senza imparare. Così moriamo senza apprendere.


IMPODDA (Logudorese – Fatica: italiano)

Plus balet s’impodda qui non su qui nos dades. Vale più la fatica che quello che ci date.


IMPOSSIBILE (Logudorese – Impossibile: italiano)

S’impossibile mancu Deus lu cumandat. L’impossibile neppure Dio lo comanda.




IMPROMITTERE (Logudorese – Promettere: italiano)

Impromittere et non dare, cussu ja mi lu facto eo. Promettere e non dare, questo lo sa fare anch’io – Dicesi ad uno che promette e poi non adempie alla promessa.




INCERTU (Dialetto comune - Incerto: italiano)

Laxa s’incertu meda, et lea su certu pagu. Lascia l’incerto e prendi il poco certo.




INCUDINE (Logudorese – Incudine: italiano)

Esser tra s’incudine et i su marteddu. Essere tra l’incudine e il martello

INGANNU (Logudorese – Inganno: italiano)

S’ingannu andat cum s’ingannadore. L’inganno va in casa dell’ingannatore.




INGEGNARE (Logudorese – Ingengarsi: italiano)

Iscuru quie non s’ingegnant. Misero colui che non s’ingegna.
Qui non s’ingegnat non campat. Chi non s’ingegna non compra.




INIURIA (Logudorese – Ingiuria: italiano)

Su mezus remediu ad sas injurias est s’ismentigu. Il miglior rimedio delle ingiurie è l’oblio.
Mezus esser injuriadu que injuriare. E’ meglio essere ingiuriato che ingiuriare – Cioè meglio soffrir le ingiurie che farle


INIMIGU (Logudorese, meridionale – Nemico: italiano)

Ad s’inimigu parare, ad sa iustitia fuire. Al nemico fate fronte, la giustizia temetela
Mezus bastonadas de amigu qui non lusingas de inimigu. Meglio aver bastonate dall’amico che lusinghe dal nemico.
Cum s’inimigu tou abbaida addainantis et addaisegus. Col vostro nemico guardatevi davanti e di dietro
Amigu de s’inimigu meu, non est amigu meu. Amico del mio nemico non è mio amico.
Deus ti ardet de inimigu riconciliadu. Non fidarti di un nemico riconciliato.




INNANTIS (Logudorese – Innanzi: italiano)

Qui non abbaidat innantis firmat addaisegus. Chi non guarda innanzi rimane indietro.
De istiu anda innantis, de ierru addaisegus. L’estate innanzi, l’inverno di dietro.




INTENDERE (Logudorese – Sentire: italiano)

Qui non queret intender non narat. Et si bides faghedi cegu. Chi non vuol sentire non parla, e se vedete fatevi cieco.






INVIDIA, Invidiadu (Logudorese – Invidia, Invidiato: italiano)

S’invidia non morit mai. L’invidia non muore mai.
Mezus invidiadu qui non lastimadu. Meglio invidiato che compianto.
Unu mastru hat invidia de s’ateru. Un’artista invidia l’altro.




IRA (Logudorese – Ira: italiano)

S’ira de Deus si queret timida. L’ira divina deve essere temuta.
Quando mancu si pensat s’ira divina falat. Quando meno si pensa scende lo sdegno di Dio – Proverbio per indicare che uno col peccato in cuore nondeve essere sicuro.


ISCANDALU (Dialetto comune - Scandalo: italiano)

Su peccadu de s’iscandalu, est plus mannu de su qui si faghet. Il peccato dello scandalo è più grande di quello che si fa.




ISCARMENTU (Logudorese, Meridionale – scottatura: italiano)

Unu iscarmentu balet pro chentu. Italiano: Una volta burlato, vale per mille avvisi.


ISCHIRE (Logudorese – Sapere: italiano)

Quie non ischit est cumpagnu de su cegu. Chi non sa è compagno del cieco.
Qui narat quant’ischit perdet quantu hat. Chi dice quanto sa perde quanto ha – S’intende di essere riservato con le misure della prudenza e della giustizia.
Qui queret ischire totu, nudda imparat. Chi vuol sapere tutto nulla apprende
Su qui non s’ischit si minispretiat. Quel che non si sa si disprezza.




ISCOGLIU (Logudorese – Scoglio: italiano)

Si s’iscogliu non evitas, intro su mare qu’annegas. Se non evitate lo scoglio vi annegherete nel mare – Per fuggire alle occasioni.


ISCUJA (Logudorese – scusa: italiano)

Iscuja non dimandada, accusa manifestada. Italiano: Tu metti le mani innanzi per non cadere.




ISCULATARE (Logudorese – Ascoltare: italiano)

Isculta, abbaida et caglia. Ascolta, guarda e taci.

ISPENDERE (Logudorese – Spendiri, spesa: Meridionale – Spendere, Spesa: italiano)

Qui plus ispendet mancu ispendet. Chi più spende meno spende – Perché la cosa dura di più.
Segundu s’intrada faghe s’ispesa. Fa la spesa secondo l’entrata


ISPERARE, Isperantia (Logudorese – Sperare, speranza: italiano)

Biadu s’homine qui isperat in Deus. Felice l’uomo che spera in Dio.
Qui vivet isperende morit cantende. Chi vive sperando muore cantando.
Quantu durat s’anima in su corpus bi hat semper isperantia. Finchè v’è fiato in corpo c’è speranza.
Isperantia morta intristat de pius. Speranza morta rattrista di più.




ISTELLA (Logudorese – Stella: italiano)

Fagher bider sas istellas in s’aera. Far vedere le stelle del cielo – Dicesi quando si minaccia di far soffrire la meritata pena


ISTRANZU (Logudorese – Ospite: italiano)

Ad s’istranzu non l’abbaides sa bertula. All’ospite non guadare mai la bisaccia – Proverbio dell’opitalità sarda, cioè non guardar se l’ospite porta qualche cosa
Ad s’istranzu asciuttu, serrali sa janna. Italiano: Ben venga chi ben porta – Proverbio degli avari
Unu contu faghet s’istranzu, et s’ateru s’osteriarzu. Un conto fa l’ospite e l’altro l’oste
JAGANU (Logudorese – chierico: Italiano)

Jaganu semper et preideru mai. Sempre chierico e mai prete – Dicesi ad uno che non progredisce mai né in virtù né in onori


JAMADU (Logudorese – Chiamato: Italiano)

Meda sunt sos jamados, pagos sos eligidos. Molti sono i chiamati, pochi sono gli eletti.


JANNA (Logudorese – Porta: Italiano)

Qui in janna anzena iscultat, sos males suos intendet. Chi asclota in porta altrui intende i suoi mali.
Dae da janna serrada su diaulu si nde fuit. Dalla porta chiusa il diavolo se ne fugge.


JERRU (Logudorese, Meridionale – Inverno: Italiano)

S’jerru non istat in chelu. L’inverno non sta nel cielo – Cioè l’inverno bisogna soffrirlo e dicesi pure di una disgrazia preveduta. Che deve accadere


JOGU (Logudorese – Giuoco: Italiano)

Jogos de manos, jogos de villanos. Giuochi di mani, giuochi di villani.
Qui jogat non dormit. Chi giuoca non dorme – Perché deve stare attento a non farsi ingannare.


JUDICIU (Logudorese – Giudizio: Italiano)

Su judiciu a presone. Il giudizio in carcere – Cioè in carcere si mette giudizio, ovvero nella pena.
Sa die de su judiciu est meda manna. Il giorno del giudizio è molto grande – Dicesi quando si vedono delle ingiustizie e delle oppressioni.


JURA (Logudorese – Giuramento: Italiano)

Sa jura est pro coberrer sa fura. Chi giura, o dice bugie è per oscurare il proprio delitto.
Juramentos de ladru non nde cretas. Non crediate mai i giuramenti del ladro.


JUSTITIA, Justu (Logudorese – Giustizia, Giusto: Italiano)

Mezus terra enza pane, que terra senza justitia. Meglio terra senza pane, ma sicuro, che in paese senza Giustizia, senza sicurezza.
Justitia pronta, vindicta facta. Giustizia pronta vendetta fatta
Iscura sa domu ue b’intrat sa justitia. Misera la casa dove entra la Giustizia – Si perde la tranquillità.
Justitia ti lèt! Justitia t’incantet! Ancu bi falet sa justitia etc! Ti prenda la giustizia! T’incanti la giustizia! Ti scenda la giustizia! – L’origine di questo proverbio (virtù che si trasforma in imprecazione in Sardegna) risale ai tempi andati quando non avevano, come disse il Della Marmora, giustizia giusta.
Putis de sa justitia benit sa morte. Dopo la giustizia viene la morte – Dopo aver scontato la pena del delitto viene ordinariamente la morte.
Sa justitia in domo anzena, non però in domo sua. La giustizia in casa altrui, ma non in casa propria.
Su justu pianghet pro su peccadore. Il giusto piange il peccatore
Su justu a quie toccat. Il giusto a chi tocca.
LACTE, Latti (Logudorese, Meridionale, Settentrionale – Latte: Italiano)

Biancu comente et lacte. Bianco come il latte – Proverbio per denotare la bianchezza di una cosa o di una persona.
Su lacte bessit dai sos mossos, et non dai sos ossos. Il latte viene dai bocconi, e non dalle ossa – Delle donne allattanti che debbono essere ben nutrite.


LADRU, Ladrone (Logudorese – Ladro: Italiano)

Su ladru est cumpagnu de su furone. Il ladro è compagno del ladrone.
Su ladru est cumpagnu de su cegu. Il ladro è compagno del cieco – Cioè non può vedere, non può prevedere tutto e quindi può essere scoperto.
S’occasione faghet s’homine ladrone. L’occasione fa l’uomo ladro.
Ladru de domu bardadilu. Guardatevi dal ladro domestico – E’ il peggiore di tutti i ladri.
Ad su ladru pòneli factu. Al ladro andategli dietro – Il ladro deve essere controllato sempre.


LAGRIMAS (Logudorese, Meridionale – Lacrime: Italiano)

Qui non pagat in lagrimas, pagat in suspiros. Chi non paga in lacrima, paga in sospiri – Cioè, chi non paga in un modo paga nell’altro.


LANA (Logudorese – Lana: Italiano)

Esser comente et lana in mesu de pectenes. Essere come la lana in mezzo al pettine – Trovarsi in afflizioni senza averne colpa. Senza potersi diffendere.
Ogni lana benit a pectene. Italiano: Tutti i nodi tornano al pettine
Ognune si arminet sa lana sua. Ognuno cardi la sua lana – Cioè ognuno pensi ai fatti propri.


LANDE (Logudorese – Ghianda: Italiano)

Essere que porcu in lande. Stare come il maiale nelle ghiande – Dicesi quando uno sta bene e non gli manca nulla.


LAXARE (Logudorese – Lasciare: Italiano)

Totu su laxadu est perdidu. Tutto quello che si lascia è perso – Cioè quello che si dà per amore.
Leare et laxare, amigos de pare. Prendere e lasciare, amici insieme – Nel senso del precedente.


LEARE (Logudorese – Prendere: Italiano)

Deus dat, et Deus leat. Dio dà, e Dio toglie
Da ue si leat, et non si bi adjunghet, su malesi bi inconfundet. Da dove si prende, e non vi si aggiunge, il male vi si accelera – Dicesi quando non si ripone nulla per pagare i debiti che diventano sempre maggiori. Oppure quando si spende più dell’entrata.
Qui si disponet a dare, si disponet a leare. Chi si dispone a dare, si dispone a prendere.
Iscuru a quie da innantis leat. Misero a chi prende prima – S’intende delle disgrazie o dei mali.


LECTU (Dialetto comune – Letto: Italiano)

Querrer totu, lectu et muzere. Voler tutto letto e moglie – Proverbio per indicare che non si può aver comodo senza incomodo. Onori senza fatica.
In lectu minore corcadique innantis. In letto piccolo coricatevi prima del compagno – Proverbio degli egoisti.
Lectu caldu domo fritta. Letto caldo casa fredda – Il pigro non può aver la casa ben fornita come il laborioso.


LEGE (Logudorese – Lei: Meridionale – Legi: Settentrionale – Legge: Italiano)

Qui cumandat faghet lege. Chi comanda fa legge – Per quelli che comandano a bacchetta.
Facta sa lege s’incontrat s’ingannu. Fatta la legge trovato l’inganno.
Sa lege est pro atere non pro quie la faghet. La legge è per gli altri non per chi la fa
Sa lege mai obbligat quie la faghet. La legge non obbliga mai colui che la fa
Leges meda, pobulu miseru. Molte leggi governati miseri.


LEMOSINA (Dialetto comune – Elemosina: Italiano)

Sa lemosina non hat mai impoveridu a nessunu. L’elemosina non ha mai impoverito nessuno.


LENTOLU (Logudorese – Lenzuolo: Italiano)

Isterre su pe segundu su lentolu. Stendi il piede conforme il lenzuolo – Non spendere più delle proprie finanze.


LENTORE(Logudorese – Rugiada: Italiano)

Lentore in herva narat serenidade. La rugiada nell’erba segna serenità.


LEPERE (Logudorese – Lepre: Italiano)

Andare que i su lepere. Andare come la lepre –Dicesi a quelli che non deviano mai dalla strada, presa la similitudine dalla lepre che non si discosta mai dalla viuzza che ha davanti.
Qui sighit leperes, non nde sighit mancunu. Italiano: Chi due lepri caccia, uno ne piglia e l’altro lascia.


LEVANTE (Logudorese – Levanti: Meridionale, Settentrionale– Levante: Italiano)

Dai levante a ponente. Da levante a ponente – Proverbio per esagerare una distanza, usato dagli scrittori sacri


LIMBA (Logudorese – lingua: Italiano)

Sa limba non jughet ossu, et nde faghet segare (o segat s’ossu). La lingua non ha osso e frange l’osso.
Limba mala a su fogu. La lingua cattiva al fuoco – Cioè deve si abominare
Sa limba mala pone sa tacca que i s’ozu hermanu. La lingua cattiva mette la macchia come l’olio d’oliva – Perché il male non compare subito, ed intanto si dilata come si estende la macchia dell’olio sulle vesti.
Limba qui non faeddat male si sentit. Lingua che non parla si sente male – Dicesi ad uno che non ha voglia di parlare. Metaforicamente di una persona che sente qualcosa in cuore e tace.
A quie faeddat male si li segat sa limba in casciale. A chi parla male gli si taglia la lingua tra i denti – Si deve ribattere ed ammonire.
Totu est limba pista. Tutto è parlare invano – Dicesi ad uno che non si persuade di qualche verità.
Sa limba de su mele segatsa de su fele. La lingua del miele taglia quella del fiele – Proverbio Rabbinico
Sa limba narat su qui hat in coro. La lingua dice quello che ha in cuore.
Limba qui non faeddat a corcorija si faghet. La lingua che non parla si fa zucca – Cioè una persona se non parla poco ottiene.
Si faddit limba, non faddit coro. Se sbaglia la lingua non sbaglia i cuore – Si dice quando uno sbaglia parlando per innavertenza.
Isbagliu de limba non est isbagliu de coro. Error di lingua non è error di cuore.


LIMBAZU (Logudorese – Linguaggio: Italiano)

Ischire limbazos est sabidoria. Saper molte lingue è gran sapienza.


LIMBU (Dialetto comune – Limbo: Italiano)

Esser que in su limbu de sos Sanctos Padres. Esser come nel limbo dei Santi Padri – Dicesi ad uno buono.




LINNA (Logudorese, Meridionale – Legna: Italiano)

Ogni linna hat su tàralu sou. Ogni legna ha il suo tarlo – Tutti abbiamo debolezze.
Linna segada in bona luna. Legna tagliata in buona luna – Dicesi letteralmente della legna che deve essere tagliata in luna crescente. Figurativamente di una persona che campa molto e vive sana.
Sa linna de su monte brujat su monte – altri: La brujat quie b’est. La legna della montagna, brucia la montagna, o la brucia chi vi è – Metafora dei mali della patria o della famiglia
Pintada sa linna mandala in Sardigna. Pinta la legna mandala in Sardegna – Proverbo che dicono gli stessi sardi per disprezzare la roba altrui.
Sa linna si queres qui non tarulet, segala in sa luna sua. Se vuoi che la legna non tarli tagliala nella sua luna – Ogni cosa a suo tempo.
De cussa linna sunt factos sos Sanctos. Di quella legna sono fatti i santi – Dicesi quando uno di bassa stirpe si augura di conseguire posti onorevoli
Adjngher linna ad su fogu. Aggiunger legna al fuoco – Dicesi quando uno stuzzica un’altra persona. Accrescere il male.
Ogni linna benit a fogu. Ogni legna viene al fuoco.
Non de ogni linna si faghent sos Sanctos. Non è da ogni legna che si fanno i Santi – Se non riesce una cosa




LINU (Dialletto comune – Lino: Italiano)

Linu muzzu, tela longa. Lino corto tela lunga – dicesi del lino letteralmente e figurativamente di una persona che sebbene piccola è virtuosa


LITIGANTE (Logudorese - Litigante: Italiano)

Inter sos duos litigantes, su terzu gosat. Tra due litiganti il terzo gode


LOGU (Logudorese, Meridionale - Luogo: Italiano)

Chentu logos, chentu modas. Cento luoghi, cento mode – Cioè ogni paese ha il suo costume
Ogni cosa a logu sou. Ogni cosa al suo posto – Cioè a tempo opportuno
Qui mezorat in logu anzenu, perdet totu quantu. Chi migliora in luogo altrui perde tutto – Cioè la fatica e l’opera. S’intende operando illegalmente



LOLLA (Logudorese, Meridionale - Loggiato: Italiano)

Fai domu cum lolla et funtana in prazza. Far casa con loggiato e fontana in piazza –vale per molte ricchezze – Le case degli agricoltori erano così


LONTANANZIA (Logudorese - Lontananza: Italiano)

Sa lontananzia sanat ogni male. Italiano: La lontananza ogni gran piaga salda –Perché la mente è senza pensieri.


LUGHE (Logudorese – Luxi: Meridionale - Luce: Italiano)

Da quie si devet bider sa lughe si bident sas tenebras. Da chi deve vedersi la luce se ne vedono le tenebre – Dicesi quando un grande dà cattivo esempio
Morrer senza lughe et senza rughe. Morir senza luce e senza croce – Senza conforto corporale e spirituale. Senza essere compianto




LUMENADA (Logudorese - Fama: Italiano)

Eo nde tenzo sa lumenada, ed atere nde tenet sas factas. Italiano: Io ho le voci ed altri le noci.
Iscuru a quie hat mala numenada. Misero colui che ha cattiva fama.




LUNA (Dialetto comune - Luna: Italiano)

Mudaresi que i sa luna. Cambiarsi come la luna
Quircare, o sighire sa luna in s’abba. Cercare o seguire la luna nell’acqua – Cioè cercare una cosa che non si può afferrare.
Sa luna naschet clara, nocte bella faghet. Quando la luna nasce chiara fa bella notte
Segundu s’ultimu quartu de sa luna bezza, sighit sa noa. Conforme l’ultimo quarto di luna vecchia seguita la nuova
Fagher bider sa luna in s’abba. Italiano: Far vedere la luna nel pozzo – Ingannare
Iscuru a quie naschet in mala luna. Guai a chi nasce in cattiva luna – Superstizione di quelli che credono la luna influisca sui costumi degli uomini.
Ispe est a bider sa luna in s’abba. Egli è a veder la luna nell’acqua – Dicesi quando uno non si vede con frequenza. Accader una cosa di rado.
Sa luna de cabidanni lughet pius de totu. La luna di settembre risplende meglio delle altre.


LUPU (dialetto comune - lupo: Italiano)

Fagher que i su lupu s’anzone. Far come il lupo all’agnello
Ca agnoni si faci lu lupu si lu magna. Chi agnello si fa il lupo selo mangia
MACCHINE (Logudorese – pazzia: Italiano)

De macchine et poesia ognune hat sa parte sua. Di pazzia e poesia ognuno ha parte.

Su macchine hat trinta sex genias, et ognunu tenet su pagu sou. La pazzia è di trentasei specie, ed ognuno ha il suo poco


MACCARRONES (Logudorese – Maccheroni: Italiano)

Laxare que maccarrones senza casu. Lasciar che maccheroni senza formaggio. Detto quando uno manca di parola di botto


MACCU (Dialetto comune – Pazzo: Italiano)

Ad su maccu su bastone. Al pazzo il bastone
A lu podiat narrarer unu maccu. Lo poteva dire un pazzo – Quando si dice una cosa ovvia.
Qui est maccu s’istet in domo sua. Chi è pazzo se ne stia in casa sua – Non intraprenda affari se non conosce la partita.
Ischit plus su maccu in domo sua, qui non su sabiu in domo anzena. Italiano: Sa più il matto in casa sua che il savio a casa altrui
Nen cum Santos nen maccos non servit bugliare. Né con i Santi, né con i pazzi bisogna burlare.
Sa cosa de su maccu si mandigat innantis. La roba del pazzo viene consumata prima
Su maccu si bidet ind’ogni logu. Il pazzo si fa vedere da per tutto – Cioè in ogni operazione
Su maccu non podet faeddare si non maccamente. Il pazzo non può parlare se non pazzamente
Non est maccu quie mandigat, si non qui apparizzat. Non è pazzo colui che mangia ma colui che apparecchia – Dicesi quando uno lavora per gli altri.
A maccu et a pizzinnu, non dies armas in manu. Al pazzo e al fanciullo non diate arma in mano – S’intende di armi e di affari.
Sos maccos et pizzinos narant sa veridade. Italiano: I bimbi ed i matti indovinano.
Non faeddes mai a presentia de maccos. Non parlar mai alla presenza di pazzi
Su maccu si burlat una bolta. Il pazzo si burla una volta – Si dice anche al savio
Su perdonare est de Deus, su ismentigare est de maccos. Il perdonare è di Dio, il dimenticare dei pazzi – Questo proverbio viene usato per essere cauti con i nemici, non per vendicarsi.
Su qui faghent sos maccos lu devent componner sos sabios. Quello che fanno i pazzi, lo devono comporre i savi – Le mancanze dei figli le devono comporre i Genitori.
Sos maccos ispendent, et i sos sabios mandigant. Italiano: I matti fan le nozze, ed i savi se la godono – Dicesi quando uno se la gode e l’altro lavora.
S’homine maccu istat in s’abba et sididu. L’uomo pazzo sta nell’acqua ed assetato –Nel senso che non approfitta del bene
Maccos et maccos (altri dicono malos et malos) s’intendent a pare. Pazzi e pazzi se la intendono insieme.
Fagher unu de su maccu, s’ateru de su sabiu. Far uno il pazzo e l’altro il savio – Dicesi quando due burlano in senso opposto, ma più per truffare
Inue non bi hat maccos non rient sabios. Dove non vi è pazzo non ridono i savi – Dicesi da uno quando gli si rimprovera di essere pazzo



MAI (Dialetto comune – Giammai: Italiano)

Si mai in mai mi so bidu. Se mai (in un tempo) mi sono visto


MAJU (Logudorese, Meridionale - Maggio: Italiano)

Maju, aqua a spaju. Italiano: Maggio pioggia vano – Perché se l’acqua e frequente nuoce alle biade, che in quel periodo, sono in fiore.
Longu que i su mese de maju. Lungo come il mese di maggio – Dicesi di uno che è tardo a fare un opera.
In su mese de maju ogni runzinu est caddu. Nel mese di maggio ogni ronzino è cavallo
Allegru que maju. Allegro come il mese di maggio – Dicesi ad uno che mostra gioia in viso
Non podet esser qui siat de maju Sanct’Andria. Non può essere il mese di maggio Novembre – Dicesi di una cosa che non può succedere


MALAIDU (Logudorese - Ammalato: Italiano)

Malaidu de su bichi sanu. Ammalato dal becco sano – Dicesi ad un finto ammalato
Ad su malaidu ogni cosa est amargura. All’ammalato tutto sembra amaro.
Ite pregat su malaidu si non sa salude. Ogni desiderio del malato è di guarire.




MALCANTI (Gallurese – Mercante: Italiano)

A malcanti saria bonu Deu. Buon mercante sarebbe Dio – Si applica agli ingrati quando non corrispondono ai benefattori.


MALE, Malu (Logudorese – Male, cattivo: Italiano)

Ad sos malos male. Gli empi non si aspettino che male.
Qui non faghet male non pensat male. Chi non fa male non pensa male.
Mezus unu malu in mesu de bonos, qui non unu bonu in mesu de malos. Meglio un cattivo in mezzo ai buoni, che un buono in mezzo ai cattivi.
Sos males anzenos sunt lectiones pro nois. I mali altrui sono di lezione per noi
Ad su male su rimediu. Al male il rimedio.
Qui hat su male si lu jughet. Chi ha il male se lo porta – Di quelli che lo cagionano.
Andat male su bene aquiridu, et quantu plus su male aquiridu. Va alla malora il ben acquistato, e quanto più il mal acquistato – Proverbio per dimostrare come il mal acquistato dura poco.
Su male a quie non bocchit bastat. Il male a chi non ammazza guasta, o lo rende misero.
Su fagher male non torrat a contu mai. Il far male non conviene – Fate dunque sempre del bene.
Qui faghet male hat male et peius. Chi fa male avrà male e peggio.
Su male continuu imbezzat sa zente. Il male continuo invecchia la persona.
Iscuru a quie costat bene innanti, et male posca. Misero colui che prima stava bene e poi male – Perché è più sensibile.
Qui est avvesadu a fagher male tardat a sinde disponner. Italiano: Chi è avvezzo a far male non pensa ad altro.
Qui male cominzat pejus accabat. Chi mal incomincia peggio termina.
Iscuru su malu et peorat: iscude su bonu et mezorat. Italiano: Batti il tristo e peggiora, batti il buono e migliora.
Qui hat cumpassione de su malu, est mal’et pejus. Chi ha compassione del cattivo è peggiore – S’intende quando si adula, o non si corregge, potendolo e dovendolo fare.
Qui disizat su male, cussu li benit. Chi desidera il male quello gli accade – Per chi si espone al pericolo, perirà.
Non hat male si non quie faghet male. Non ha male se non chi fa male.
Unu male non benit mai solu. Un malanno non viene mai solo.
Ogni male faghet su cursu sou. Ogni male fa il suo corso – Dicesi a quelli che vogliono essere guariti repentinamente.
Su male remedialu quand’est minore. Il male rimediatelo quando è piccolo – S’intende non solo dei mali materiali ma anche morali.
Niunu fectat bene qui non hat male. Meridionale: Non fazzas beni chi non tenis mali. Nessuno faccia bene che non ha avuto male – Dicesi quando uno viene ripagato con ingratitudine per il bene che ha fatto.
Qui faghet bene non hat mai male. Chi fa bene non ha mai male.
Unu malu nde faghet chentu malos. Un cattivo ne fa cento cattivi – Per l’effetto del cattivo esempio.
Su male minore nde battit su mannu. Il male minore porta il grande
NADALE (Logudorese – Dicembre: Italiano)

Dai nadale in cudda ia, frittu, famine et carestia. Dal dicembre in là freddo, fame e carestia.


NAPA (Logudorese, Settentrionale – Rapa: Italiano)

Su brou de sa napa sanat sos pedinzones. Il brodo delle rape guarisce i geloni.


NARRARE (Logudorese – Dire: Italiano)

Quie su qui queret narat, su qui non queret intendet. Chi dice tutto quello che vuole, sente quello che non vuole.
Narami su qui so, non mi neraz su qui fia. Dimmi quello che sono, e non dirmi quel ch’era – Si dice a quelli che rimproverano uno che prima era in cattiva condizione, e che poi è diventato migliore.
Mancu bider, mancu narrer. Meno si vede, meno si parla.




NASCHIDA, Nachere (Logudorese – Nascita, nascere: Italiano)

Conforme sa nàschida sa pàschida. Italiano: Come uno nasce, pasce – L’uomo opera conforme l’educazione che ha ricevuto.
Ue naschimus ischimus, ue morimus no. Dove nasciamo sappiamo, non però dove muoriamo.
In su nascher et morrer totu semus que pare. Nel nascere e morire tutti siamo uguali.
Ad su bene nàschidu, dolorosu estt male vivere. A colui che è ben nato gli è doloroso il viver male.
In su nascher et in su morrer sempre bi hat ispesa. Nel nascere e nel morire, si paga sempre un tributo



NATURA (Dialetto comune – natura: Italiano)

Quando non hat in natura, pagu balet frigadura. A chi non l’ha in natura poco vale lo strofinarsi.




NECESSIDADE, Necessariu (Logudorese – Necessità, necessario: Italiano)

Sa necessidade non hat lege. La necessità non ha legge
Sa necessidade faghet sa bezza a currere. La necessità fa correre la vecchia – Con questo proverbio, si esprime quanto fa ognuno per il bisogno.
Niun’homine est necessariu, et totu semus necessarios. Nessun uomo è neccessario, e tutti gli uomini siano necessari.

OBUS, Obera (Logudorese – Opera: Italiano)

Obus bonu non queret presse. Opera (lavoro) buona non vuole fretta – Dicesi di ogni lavoro
S’obera bona non perit mai. L’opera buona non perisce mai.
Qui confessat sas operas malas principiat sas bonas. Chi confessa le opere cattive, principia le buone
Obera et caglia, castia et laxa. Lavorate e tacete, guardate e lasciate – Avvertenza che si fa ai garzoni, ai servi e ai lavorandi.


OCCASIONE (Logudorese – Occasioni: Meridionale, Settentrionale – Occasione: Italiano)

S’occasioni faghet su ladrone. L’occasione fa il ladrone.
ODIU (Dialetto comune – Odio: Italiano)

S’odiu de hoe laxalu a cras. L’odio di oggi verso uno, lasciatelo a domani – Sempre dobbiamo amare, mai odiare.
S’odiu de su coro non istracca. L’odio del cuore non stanca.
Pro odiu de su bighinu si iscudet su cane. Per odio del vicino se ne percuote il cane – Ovvero dare un calcio al cane per fare un dispetto al padrone!
Paba (Dialetto comune – Papa: Italiano)

Ognunu est Paba in domo sua. Ognuno è Papa in casa sua – Ognuno è contento a casa sua.
Mezus Paba qui non Cardinale. Meglio Papa che Cardinale – Significa che dei due posti il più onorifico è il più alto.
Contentu que unu Paba. Contento come un Papa – Dicesi di uno contento della sua sorte.
Viver comente Paba. Viver come un Papa – Cioè viver bene
Mancu su Paba est cuntentu. Neppure il Papa è contento – Dicesi a quelli che non sono contenti della loro sorte.


PABIRU (Logudorese – Paperi: Meridionale – Pabbilu: Settentrionale- Carta: Italiano)

Pabiru cantat et barba cagliat. Carta canta e barba tace.
Sos pabiros cantant in busciacca. Le carte cantano in tasca – Dicesi di uno quando per sicurezza del credito ha la polizza con sé


PACTU (Logudorese – Pattu: Meridionale, Settentrionale- Patto: Italiano)

Pactos claros, amicitia longa. Patti chiari amicizia lunga – Con gli onesti
Cun frade tou charu, fagher su pactu claru. Con questo proverbio si avverte di non fidarsi di nessuno, nemmeno del fratello in caso di interessi.


PADEDDA (Logudorese, settentrionale – Pingiada: Meridionale - Pentola: Italiano)

Sa padedda de ogni die faghet su brou lazzu. La pentola di ogni giorno fa il brodo insipido – Dicesi a quelli che si stufano di una cosa frequente.
Bastet qui buddat sa padedda tua, de sa de s’atere non t’importat. Basta che bolla la tua pentola, non ti preme quella degli altri – Dicesi agli egoisti.
Dai sa bucca buddit sa padedda. Dalla bocca bolle la pentola – Cioè uno che mangia bene è vivo e forte.
Su qui est intro de sa padedda non l’ischit si no sa trudda. Quello che c’è dentro la pentola, non lo sa se non la mestola – I bisogni di casa li conosce chi li maneggia. Di un segreto che non può essere rivelato
Su fumu de sa padedda durat quantu durat su fogu. Il fumo della pentola dura quanto dura il fuoco – Dicesi di uno che ha i fumi …………..
Segare sa padedda. Rompere la pentola – Nel senso di rompere un’amicizia.
Pingiada manna intru sa pitica. Pentola grande dentro la piccola – Si dice quando in casa non si trova da mangiare. Proverbio del Campidanese


PADRE (Logudorese – Para: Meridionale – Fraddi: Settentrionale – Frate: Italiano)

Sos padres intrant senza si connoschere, vivent senza si amare, morit senza si piangher. I frati entrano senza conoscersi, vivono senza amarsi, muoiono senza piangersi –
Ad su padre dali su pane in sa janna. Al frate dategli il pane alla porta – S’intende dei frati mendicanti che andavano nelle case per mendicare il pane




PADRONU (Logudorese, Settentrionale – Padroni: Meridionale – Padrone: Italiano)

Nessunu podet servire bene ad duos padronos. Nessuno può servir bene a due padroni.
Dai padronu s’est factu teraccu. Da padrone si è fatto servo
Padronu de cujos serrat sos aidos. Padrone di possessi chiude le sbarre – Proverbio degli agricoltori per indicare un buon padrone che cura il patrimonio.


PADRU (Dialetto comune – Paga: Italiano)

Qui cambiat padru, tramudat fadu. Italiano: Chi muta paese muta ventura


QUADDU (Meridionale - Cavallo: Italiano)

Mellurs quaddu chi mi portidi, chi non quaddu chi mi sderrochidi. Meglio cavallo che mi porti, che non mi precipiti


QUANTIDADE ( Logudorese – Quantità: Italiano)

Non faghet damnu sa quanlidade ma sa quantidade. Non fa danno la qualità, ma la quantità.


QUARESIMA (Dialetto comune – Quaresima: Italiano)

Sos males de carrasegare bessin in quaresima. I mali del carnevale compaiono nella Quaresima – Cioè gli effetti degli stravizi, e i debiti compaiono a loro tempo.
Sos fructos de carrasegare si accoglint in quaresima. I frutti del carnevale si raccolgono nella Quaresima



QUERCU (Logudorese – Orroli: Mediterraneo – Chercu: Settentrionale - Quercia: Italiano)

Si non morint sos quercos torrat sa lande. Se non muoiono le querce ritorna la ghianda – Dicesi quando si consuma una cosa e si spera di riacquistarla .


QUERRERE ( Logudorese – Volere: Italiano)

Qui queret dat, qui non queret non dat. Chi vuole dà, chi non vuole non dà.
Quando mi has a querrer no mi des haere. Mi conoscerai quando non mi avrai


QUESTIONE ( Logudorese - Chistioni: Meridionale, Settentrionale –– Questione: Italiano)

Qui hat possessiones, hat questiones. Chi ha possessioni ha questioni – Non mancano mai liti o fastidi a quelli che hanno beni.


QUIRCARE ( Logudorese - Circai: Meridionale – Ziclà: Settentrionale – Cercare: Italiano)

Su qui difficilmente si quircat dulchemente s’incontrat. Ciocche difficilmente si cerca, dolcemente si trova.
Quando non mi des haer m’has a quircare. Quando non mi avrete mi cercherete.
Qui quircat incontrat. Chi cerca trova – Dicesi ai poltroni che si scusano di non trovar lavoro.
A chini ricat tanti, sa peus ddi danti. A chi cerca tanto una cosa, gli danno o prende la peggio.

RANA (Dialetto comune - Rana: Italiano)

Est meda difficile bogarende sa rana dai su pantamu. Non è possibile cavar la ranocchia dal pantano - Dicesi a quelli già incalliti in un vizio


RANZOLU ( Logudorese – Ragno: Italiano)

Qui est boe qui laoret: qui est ranzolu qui filet. Chi è bue che lavori, chi è ragno che fili.


RE' (Logudorese, settentrionale - Rei: Meridionale – Re: Italiano)

Cum Deus et cum su Re pagas paraulas. Con Dio e con il Sovrano poche parole
Re nou, lege noa. Re nuovo, legge nuova - Dicesi ad ogni cambiamento governativo ed anche domestico.
Contra ad su Re andat niune. Contro il Re non va nessuno.
Sa casacca de su Re iscuru a quie non la rispectat. Guai a colui che non rispetta la divisa del Sovrano.
Ad su Re et ad sos padronos pagas paraulas. Al Re ed ai padroni poche parole.
Quantu queret su Re vivet su ladru. Quanto vuole il Re vive il ladro - Dicesi delle protezioni.
Sas minetas de su Re si devent timire. Le minaccie del Re si devono temere.
Ne Re, nen roccu. Nè Re nè bastone - Dicesi ad uno che non vuole osservare l'ordine in società.
In domo de su Re sa mesura bei rèt; et si non bi hat mesura, su meda pagu durat. Nella casa del Re vi regge la misura; e se non vi è misura il molto poco dura - Cioè anche nell'abbondanza si deve sempre risparmiare con moderazione


RECTORE (Logudorese – Rettore: Italiano)

Benes de Rectore non andant mai bene. I beni dei Rettori non vanno mai bene - In quanto sono beni tolti alle chiese ed ai poveri.
Vida de Rectore. Vita di Rettore - Riferita alla vita agiata.


REGALU ( Logudorese, Settentrionale - Arrigalu: Meridionale –Regalo: Italiano)

Qui acceptat regalu perdet sa libertade. Chi dell'altrui prende la libertà si vende.
Qui rigalu acceptat, libertade bendet. Chi dono prende, libertà svende.
Qui est justu non mirat regalos. Chi è giusto non guarda regali - Riferito a coloro che non ricevono regali per non tradire la giiustizia.
Regalu ispectat regalu. Regalo aspetta regalo -Riferito a quelli che regalano con secondo fine.
Su regalu est una majia. Il regalo è una magia


REGOTTU ( Logudorese - Ricotta: Italiano)

Lacte ispizadu, regottu lanzu. Latte sfiorato, ricotta magra – Dicesi quando uno non arriva in tempo ad un affare.


REGULA (Dialetto comune - Regola: Italiano)

Sa regula faghet sa domo, et quie non hat regula non podet avanzare. La regola fa la casa, e chi non ha regola non può avanzare.
Non si dat regula senza eccezione. Non si dà regola senza eccezione -


SABIU (Dialetto comune - Savio: Italiano)

Qui andat cum sabiu benit sapiente. Chi si accompagna col savio diventa savio e di più
Sa correctione faghet s'homine sabiu. La correzione fa l'uomo savio
Qui non est sabiu in sa tristura, nen mancu in s'allegria. Chi non è savio nell'allegrezza nè manco nella tristezza - Cioè l'uomo savio dev'essere moderato nel tempo della felicità
Su sabiu errat septe boltas sa die. Il savio sbaglia sette volte al giorno - Dicesi per le leggerissime mancanze - Sette, sta a significare molte volte.
Qui ischeddat in conca sua resessit plus sabiu. Chi scotta a proprie spese diventa più savio.
Sabiu que Salomone. Savio come Salomone - Proverbio iperbolico per esprimere la saviezza di uno.
Su qui faghet su sabiu non lu cumponet niunu. Ciò che fa il savio non lo ricompensa nessuno - Cioè se fà qualche pazzia nessuno ha il coraggio di rimproverarlo.


SACCU ( Dialetto comune – Sacco: Italiano)

Unu saccu arrumbadu. Un sacco appoggiato - Dicesi ad un imbecille
Niunu nerzet septe finzas qui in saccu bettet. Nessuno dica sette fino a che non getti nel sacco - Cioè nessuno è sicuro della raccolta, o del frutto fino a che non l'abbia in mano - Dicesi anche per minaccia quando uno si riserva di parlare a suo tempo
Non bogat saccos qui non bogat mulcios. Non cava sacchi che non cava legacci - Cioè ad ogni bugia o mancanza trova l pretesto.
Saccu boidu non reet istentarzu. Sacco vuoto non si regge dritto - Dicesi quando uno non mangia


SAGRISTANU (Logudorese – Sacrista: Italiano)

Cum Deus et cum su Re pagas paraulas. Con Dio e con il Sovrano poche parole



SALE (Logudorese - Sali: Meridionale, Settentrionale – Sale: Italiano)

Su sale est bonu quando est pagu. Il sale e buono quando è poco - Significa che le vivande debbono essere poco salate per essere più salutari.
Non affides cosa de importanzia ad quie non hat sale in testa. Non affidare cosa d'importanza a chi non ha sale in testa .
Ponnere pagu sale in laras. Metter poco sale nelle labbra - Cioè essere sciocco.
B'hant semenadu su sale. Vi hanno seminato il sale - Cioè essere sterlile - deserto -


SALMU (Dialetto comune - Salmo: Italiano)

Ogni salmu finit in gloria. Ogni salmo termina in gloria - Dicesi soprattutto quando si ripete con noia la stessa cosa


SALUDE ( Logudorese - Salute: Italiano)

Sa salude et libertade non bi hat oro qui la paghet. La salute e la libertà non vi è oro che la paghi.
Salude et libertade, iscuru a quie la perdet. Salute e libertà, misero colui che la perde.
Sa salude est comente i s'oro, fina qui non si perdet non si conoschet. La salute è come l'oro, fin che non si perde non si conosce.
Qui tenet salude tenet ogni cosa. Chi ha salute ha tutto.


SALVARE ( Logudorese - Salvare: Italiano)

Qui mi avvisat mi salvat. Chi mi avvisa mi salva - salvare dai pericoli - Non bisogna disprezzare gli avvisi ma essere grati a queli che ce li danno
TALENTU (Dialetto comune - Talento: Italiano)

Su talentu lu dat Deus, et sos homines l'impleant. Il talento lo dà Dio e gli uomini lo impiegano
Su talentu lu dà Deus et non sos homines. Il talento lo dà Dio e non gli uomini - così si scusa il poltrone per la mancanza dell'ingegno


TANCA ( Dialetto comune – Chiudenda: Italiano)

Qui hat tanca hat banca. Chi ha tanca, o terre chiuse, ha tavola - Cioè chi ha proprietà terriere ha ricchezze.


TRAPPULARE, Tappulu (Logudorese – Rattopare, Rattoppamento: Italiano)

Tappulu male postu si torrat a cosire. Toppa mal messa si torna a cucire - Dicesi di uno che fa male una cosa, se ne accorge e la ricomincia.
Su qui non si trappulat, su non pagu durat. Quel che non si rattoppa, se nuovo, poco dura



TARDARE, Tardu (Dialetto comune – Tardare, Tardo: Italiano)

Mezus tardu qui non mai. Meglio tardi che mai -
Qui tardu benit, male allogiat. Chi tardi viene, male alloggia .
Qui tardat bonu viaggiu faghet. Chi ritarda fa miglior viaggio -Perchè va piano e con attenzione.


TATARIS (Logudorese - Sassari: Italiano)

Tataris mannu, Salighera bella. Sassari grande, Alghero bella - Dicesi per esprimere che Alghero è una città più bella di Sassari ma non più grande.
TAULA ( Dialetto comune - Tavola: Italiano)

Qui cantat a taula o in lectu o est maccu o fertu. Chi canta in tavola, o nel letto, o è pazzo, o è scimunito.
A taula non s'imbezzat mai. A tavola non s'invecchia mai - Proverbio dei parassiti e dai festaioli
TAZZA ( Dialetto comune - Tazza: Italiano)

Tazza chinnida niune la neat. Tazza filata nessuno la guarda - Dicesi quando si sospetta dell'onestà delle donne.
Sa tazza mintet azza. La tazza mette coraggio - Cioè il vino fa audace colui che lo beve.


UA (Logudorese, Settentrionale - Axina: Meridionale - Uva: Italiano)

Ua agra binu aghedu. Uva acerba vino inacetito - Significa che se l'uva non è buona il vino non sarà mai buono.
Binza manna et paga ua. Vigna grande, e poca uva - Cioè tante parole, o fatti, ma pochi fatti.
Non seghes mai ua pioende. Non mozzare mai l'uva allorchè piove.


UBBIDIRE (Logudorese – Obbedire: Italiano)

Mezus ubbidire que sanctificare. E' meglio obbedire che santificare.
Mezus ubbidire a deus qui non ad sos homines. Meglio obbedire a Dio che agli uomini.
Qui ubbidit a tantos, ubbidit a niunu. Chi ubbidisce a molti, ubbidisce a nessuno.


UGUALE (Logudorese – Uguale: Italiano)

Totu non podimus esser uguales. Tutti non possiamo essere uguali - Dicesi quando uno si vanta di essere più forte o più ricco di un'altro.
Cojuadi cum uguales tous. Sposatevi con vostri uguali - Cioè di età e di condizione



ULTIMU (Dialetto comune – Ultimo: Italiano)

Tantas boltas sos ultimos intrant primu. Sovente gli ultimi sono i primi
S'ultimu o leat bene o leat male. L'ultimo o prende molto o prende poco.


UMBRA (Logudorese, Meridionale - Ombra: Italiano)

Finzas s'umbra sua li faghet impizu. Anche la sua ombra gli da fastidio - Dicesi ad uno che si irrita per qualsiasi cosa.
UNA, Uno ( Dialetto comune - Una, Uno: Italiano)

Qui podet a chentu, podet ad unu. Chi può a cento può ad uno.
Qui tantas nde faghet, una nde pianghet. Chi tante ne fa una ne piange.
UNGIA (Logudorese - Unga: Meridionale - Ugna: Settentrionale - Unghia: Italiano)

Non s'ispizzigat s'ungia senza dolore. Non si disgiunge l'unghia dalla carne senza dolore - Cioè è molto doloroso quando si possiede una cosa e si perde.
In sa corona de s'ungia. Nella corona dell'unghia - Dicesi ad un bugiardo, o quando non esaurisce la promessa, oppure quando si tratta di promesse false.
Qui toccat de ungias ad s'ultimu binde las segant. Chi tocca d'unghie alla fine gliele tagliano - Dicesi ai ladri che non rispettano la roba altrui.

VELENU (Dialetto comune – Veleno: Italiano)

Qui mandigat cum arrabbiu mandigat cum velenu. Chi mangia con sdegno mangia con veleno - Il proverbio ha due sensi, uno per chi mangia a dispetto, l'alto per chi mangia nell'atto dell'ira.
Qui mandigat cum velenu, pagu ndli appizzigat. Chi mangia con rabbia poco ne aprofitta.


VERBU (Logudorese – Parola: Italiano)

Verbos qui non sunt pagados, mai siant sanados. Parole che non sono pagate mai siano sanate - Si dice quando una fatica non è compensata.


VERIDADE (Logudorese - Beridade: Meridionale - Veritai: Settentrionale – Verità: Italiano)

Pro sa veridade gherra fina ad sa morte.Per la verità contrastata sino alla morte - Dicesi quando uno ha ragione e deve parlare con coraggio.
Buglia bugliende si naarat sa veridade. Burla burlando si dice la verità.
Non bi hat recreu senza sa veridade. Non vi è piacere senza la verità - Cioè uno è tranquillo quando dice la verità.
Sa veridade causat odiu. La verità causa odio.
Qui queret esser istimadu non nerzat sa veridade. Chi vuol essere stimato non dica la verità
Sa veridade si colat innantis. Sa veridade est sa prima qui nde besst. Sa veridade est sa prima qui si narat. La verità si anticipa. La verità è la prima che esce dalla bocca. La verità è la prima che si dice.



VESPERAU (Logudorese – vespero: Italiano)

True ti cantas totu, vesperu et missa. Voi vi cantate tutto, vespero e messa - Dicesi quando uno si accusa e si discolpa per una mancanza.


VIA (Logudorese - Via: Italiano)

Ad s'Avemaria o in domo o in via. All'Avemaria o in casa o in via.
VIAGGIU ( Dialetto comune - Viaggio: Italiano)

Fagher ind'unu viaggiu duas incumanditias. Fare in un viaggio due servigi.
Unu viaggiu e duos servitios. Un viaggio e due servizi.
VIDA ( Dialetto comune - Vita: Italiano)

Comente est sa vida, grasi sa finida. Come è la vita, così la fine.
Sa vida pro sa vida. La vita per la vita.
Sa vida pro sa vida et sa pedde pro sa pedde. La vita per la vita e la pelle per la pelle - Dicei da uno risoluto nell'eseguire un affare anche pericoloso.
ZAPPARE, Zappu (Logudorese – Zappare, Zappa: Italiano)

Zappare in binza bezza tempus perdidu. Zappare in vigna vecchia, tempo perso
Zappare in terra tosta est fagher mala zoronada. Zappare in terra dura è fare cattiva giornata.
Zappu ruinzadu, padronu mandrone. Zappa arruginita padrone pigro.
Daresi su zappu ad su pè. Darsi la zappa ai piedi.
S'abba falet ue queret su zappu. L'acqua scende dove vuole la zappa.
Ad su malu zappadore, sa mangia de su zappu li faghet impizu. Al cattivo zappatore gli fa impedimento la manica della zappa.


ZAPPULU (Meridionale – Straccio: Italiano)

Su zappulu esti peus de su scorriu. Lo straccio è peggiore del brandello - Dicesi quando uno cerca di rimediare una cosa mal fatta ne commette una peggiore.


ZENTE (Logudorese - Genti: Meridionale, Settentrionale – Gente: Italiano)

Meda roba et paga gente. Molta roba e poca gente.


ZIMPINA (Logudorese – Agresta: Italiano) - Agresta= Tipo d'uva che non matura del tutto e che da un succo asprigno usato come condimento o per farne aceto-

Zimpina in binza, malu pudadore. Agresta o uva selvatica - Metafora della cattiva educazione che si da in casa.
Sa zimpina faghet su binu aghedu. Chi vuol vin dolce non imbotti agresto.


ZIRRIOLA (Logudorese - cerino: Italiano)

Santa Maria di la zirriola, o fazi nebi o fazi ragnola. Italiano: Per Santa Maria se viene la pioggiaruola dell'inverno siam fuora.
ZITADE ( Logudorese - Cittadi: Meridionale - Zittai: Settentrionale - Città: Italiano)

Qui vivet in zitade totu su qui bidet faghet. Chi vive in città tutto quello che vede fà.
ZOCCU ( Loguderese - Rumore: Italiano)

Su zoccu de su sedatu est s'allegria. Il rumore del setaccio è l'allegria - Perchè essendovi farina vi è in casa il pane.
OJU (Logudorese – Ogu: Meridionale – Occi: Settentrionale – Occhio: Italiano)

Ognune pianghet cun s’oju sou. Ognuno piange con il suo occhio – Dicesi in risposta a quelli che confortano gli altri nelle disgrazie.
Oji mannu est semper famidu. Occhio grande è sempre affamato.
Sos ojos si toccant cum su cuidu. Gli occhi si toccano col gomito – Dicesi quando uno ha male agli occhi e quindi non deve strofinarsi con le dita per non irritarli.
S’oju mustrat sa via. L’occhio mostra la strada – Chi ha buon occhio non sbaglia.
Qui hat mala ojadura o traighet o furat. Chi ha cattiva occhiata, o tradisce o ruba
Oji puntu lagrima bettat. Occhio punto cava lacrima – Nel senso che chi ha dolore lo mostra.
Quando sos ojos non bident su coro dormit. Occhi non vedono il cuore dorme
S’oju puru queret parte. Anche l’occhio vuole la sua parte.


 
Torna ai contenuti | Torna al menu